Nuove manie: la cucina

L’argomento “ricette” è trito e ritrito (occhio al battutone…), e il proliferare delle trasmissioni in cui i cuochi sono protagonisti ha contagiato purè me.

In realtà io cucino da sempre, perché non avendo mia madre figlie femmine io le ho sempre dato una mano nella preparazione dei primi tipici della cucina “marchignola”: tagliatelle, cappelletti, lasagne, nidi di rondine… Avere ospiti la domenica era una regola, poi il tempo passa per tutti ed adesso che ho la mia famiglia è mio figlio di quasi 5 anni che aiuta la nonna nella preparazione del sacro pranzo domenicale e io mi diletto in esperimenti per mia moglie Lorena, che sa preparare tutti i piatti della tradizione catanese ma che ha altre passioni.

La cucina è scienza (per la precisione chimica) e creatività allo stesso tempo, un po’ come un sito Internet, quindi ci sguazzo alla grande. Fra l’altro uno dei miei mentori web, Giovanni Casagrande, è anche lui cuoco. E così mi ritrovo la sera a sfogare le mie residue energie sui fornelli.

L’ultimo esperimento, fresco di giornata e ancora disponibile per chi lo volesse assaggiare, è il dulce de leche, un prodotto culinario di cui ho appreso l’esistenza leggendo il Tumbl di kon-igi e su cui mi sono cimentato di corsa visto il suo apparentemente ineguagliabile rapporto tra bontà e facilità di preparazione.

Ho seguito la ricetta di Giallo Zafferano sostituendo il bicarbonato di sodio con del sale e la bacca di vaniglia con la triste bustina di vanillina, per di più presa dalla cucina di mia madre: essendo agli inizi di questa mia carriera non ho praticamente scorte, ma chissà che un giorno questa passione non mi permetta di lasciare l’informatica. Alla fine è venuto qualcosa di simile alle foto, con una consistenza sabbiosa al palato, dovuta alla coagulazione della caseina e alla cristallizzazione del lattosio. In pratica ho creato a casa con poco sforzo la farcitura dei Ringo.

Siccome però io preferisco qualcosa di più smooth, la prossima volta proverò ad effettuare delle correzioni, usando latte ad alta digeribilità per eliminare il lattosio, il bicarbonato di sodio per contrastare l’acidità che causa la coagulazione e soprattutto una vera bacca di vaniglia.




2 thoughts on “Nuove manie: la cucina”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi