Sono un freelance che sta diventando imprenditore?

Una cosa che mi piace degli americani è che condividono senza problemi il loro stipendio annuale al momento di presentarsi. Un esempio di ciò lo possiamo vedere nella scena del primo incontro tra Jordan Belfort e Donnie Azoff in The Wolf of Wall Street. Ecco perché anche io voglio condividere con voi il fatto che ho incassato circa 50k durante il 2016. E quando parlo di incasso intendo dire che una cifra tendente al 20% di quello che è finita nel mio conto corrente l’ho detratta come ritenuta d’acconto.

Con questa cifra sono ufficialmente entrato in una terra di mezzo. Incasso troppo per essere un freelance (attenzione, continuo a parlare di incasso e non di guadagno) ed incasso troppo poco per essere un imprenditore. Una realtà confermatami anche da uno dei miei attuali mentori, secondo il quale è tra i 50mila e i 100mila euro di fatturato annui che una partita IVA deve decidere cosa fare da grande.

Mi sento come un rocciatore che sta scalando una montagna a mani nude senza corde di sicurezza. Guardo in basso e ormai ho fatto troppa strada verso l’alto per mollare. Allo stesso modo, ancora non riesco a vedere la vetta. Ormai l’attività sistemistica, che è quella che prediligo, sta riempiendo le mie giornate; d’altra parte ancora non ho trovato quella pace mentale tipica di chi non deve preoccuparsi giorno per giorno delle proprie finanze. Non ho bisogno di andare a cercare clienti, ma non ho ancora la possibilità di mettere qualcuno a lavorare sui servizi che sono riuscito a vendere.

Insomma, da sistemista freelance quale sono ora si sono prospettate per me due possibilità: diventare in tutto e per tutto imprenditore dell’hosting, oppure lasciarmi assorbire da un’altra azienda. Io per ora mi tengo il mio brand e la mia infrastruttura, e vado avanti. Ho superato dei periodi veramente bui, periodi in cui andavo di corsa alla banca del mio cliente per poter scambiare il suo assegno e poter subito andare a prendere mia moglie per fare la spesa. Ora invece ospito sui miei server clienti di ogni parte d’Italia, e la vita sta assumendo sempre più i contorni dei miei sogni.

Continuerò ad andare avanti a testa bassa, giorno dopo giorno, e quello che deve succedere succede.

Image credits: Unsplash.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi