No image available

Le regole dei blog

You Are Not Allowed To Take Photos Here!!Avete studiato le regole per avere un blog di un successo? Scelta del titolo, parole chiave, scelte delle immagini… Come avete risolto il dilemma del no-follow? Siete di quelli che commentano solo perché vi interessa il link verso il vostro blog? Non lo so. Per esempio io mi sono tanto impegnato a diffondere il link di questo blog, e credo ora di essere incorso in una penalizzazione di Google: cercando “Giovanni Cappellini” di questo blog non c’è nè puzza nè bruciaticcio su Google. E allora mi sono stufato delle regole: posto quando ne ho voglia oppure quando ho una valida ragione per farlo. Non sto più lì a scrivere, rileggere, riscrivere le frasi cento volte per cercare di accorpare nel discorso più parole chiave possibili, come se Google fosse una riproposizione della mia prof di Italiano del liceo! Questo blog è tornato ad essere la mia valvola di sfogo occasionale (oltre a Warcraft 2 e ad altri vecchi videogiochi).

E poi, se Felipe si prende il lusso di vendere il suo Pollycoke.net, e ricominciare una vita nuova su pollycoke.org, perché io dovrei diventare pazzo, per qualche centesimo bucato di Adsense (a proposito, sono mesi che non lo guardo, fatemi dare un’occhiata…)? Ecco, questa è la valida ragione di oggi.

Grazie ai ragazzi di Meemi per avermi aiutato a raffinare meglio un concetto 😉




5 thoughts on “Le regole dei blog”

  1. Ciao. Premesso che la conclusione “Questo blog è tornato ad essere la mia valvola di sfogo occasionale ” è sempre meritevole di rispetto in quanto sacrosanta (e pure sana), premesso questo, dicevo, non credo che il tuo blog sia penallizato. Ammesso e non concesso che ti interessasse un parere su questa cosa 😉

  2. Ciao, mi interessa e come il tuo parere! Comunque il fatto stesso che hai commentato tu vuol dire che in qualche modo qualcuno legge ciò che scrivo: grazie! Avanti tutta, quindi!

  3. Ciao Giovanni!
    La penso come te. Facciamo lo stesso lavoro ed entrambi incorriamo nelle stesse necessità: posizionare bene i siti dei clienti, consigliarli su come redigere contenuti maggiormente appetibili dai motori di ricerca. A volte, con poche ottimizzazioni, ottieni risultati soddisfacenti. Altre volte, magari in settori più congestionati, pur cercando di fare tutto il possibile, si fa fatica ad emergere.

    Anche io ritengo di puntare sull’esprimere se stessi e sull’originalità dei contenuti.

  4. Grazie Cristian di essere passato da queste parti e di esserti fermato per un commento. E’ vero, mancando di originalità questo blog è subito decaduto. Nessuno riesce più ad ingannare Google. Proprio per questo motivo, è difficile emergere in settori già congestionati: ogni cosa ha il suo prezzo, e certe cose lo hanno altissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi