No image available

Timeville: un gioco che può farci capire come funziona l’economia

Mi trovo ad Urbino presso la facoltà di informatica applicata dove si sta svolgendo un seminario dedicato a “Timeville”, un gioco online che rappresenta anche un esperimento economico.

Gli esperimenti possono essere di due tipi

  1. reali, dove bisogna accettare le condizioni esistenti e dove ci si può porre solo come osservatori.
  2. simulati, dove si invita un insieme di persone a giocare secondo regole prestabilite per certo periodo di tempo

Ovviamente occorre saper motivare il campione e saperlo coinvolgere per più tempo possibile. Si parla di MMOSG.

Si ipotizza che i risultati di Timeville possa aiutare gli studiosi di economia.

Il gioco prevede tre elementi: tempo, valore e denaro. Tutti hanno a disposizione solo il tempo inizialmente, che può essere dedicato:

  • ad un lavoro da impiegato retribuito dallo Stato (si ipotizza che lo Stato in Timeville abbia sempre bisogno di tali impiegati), detto “employed time
  • ad un lavoro da libero professionista. Si possono fornire consulenze ad altri giocatori che pagheranno secondo i valori di mercato oppure ci si può dedicare all’artigianato producendo dei manufatti da vendere. Nel gioco viene detto “self-employed time
  • allo studio. Lo “study time” permetterà di acquisire dei titoli che renderanno più prezioso il proprio lavoro.
  • reset/leisure”. Un maggior tempo libero è indicatore di benessere e contribuirà ad aumentare il punteggio finale

La moneta scambiata in TimeVille è il “TimeDollar”, che oltre a essere posseduta in forma liquida può essere depositato in banca, dove però è sottoposta ad una forte tassazione (il 30% viene trattenuto dalla banca ad ogni deposito e prelievo). La banca applica il 2% di commissione ad ogni transazione. Ogni scambio monetario con lo Stato avviene solo attraverso la banca.

Lo Stato tassa del 30% tutti gli acquisti. E’ possibile anche effettuare delle transazioni in nero, che per il 90% delle volte non vengono individuate dal sistema, ma quando vengono scoperte nel gioco comportano una sanzione del 200% al giocatore che ha effettuato la vendita. Lo Stato in Timeville eroga anche i servizi pubblici e l’istruzione. Come nella realtà, se il giocatore ha delle spese deducibili pagherà meno tasse, e l’istruzione per esempio è deducibile al 100%.

Il valore generato in un’epoca del gioco può essere venduto nella successiva, e dato che il valore invenduto ad un certo punto viene perso e che il prezzo può essere variato in ogni momento, ci si aspetta grandi movimenti di mercato. In Timeville esiste anche la pubblicità: a seconda dell’investimento si possono raggiungere più persone. Le modalità di pagamento vengono scelte dal compratore in base alle offerte fatte dal venditore. Ogni valore acquistato può essere ripartito in beni di consumo, capitale investito (che potrà permettere di avviare una produzione industriale) o forza lavoro per la propria impresa in Timeville.

La convenienza nell’acquisto di valore è data da un coefficiente “alpha” pari a 1.1 che impreziosisce il valore acquistato.

Scopo del gioco è mantenere un elevato punteggio su tre parametri: tempo libero, potere d’acquisto e beni posseduti.

Il gioco-esperimento inizia ora, alle 12:12 del 12/12/12.

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi