Lavori in proprio? Lascia o raddoppia.

Il brutto di essere un freelance è il non aver chiaro a quanto ammonti il proprio stipendio. Tuttavia facendo i conti della serva per quello che riguarda l’ultimi trimestre del 2014, ho scoperto che la differenza tra incassi e spese mi è servita giusto giusto per pagare l’anticipo dell’IVA. Ne consegue che ho dovuto attingere a fondi personali per poter pagare una rata di un ravvedimento IRPEF.

Ho cellulare, computer e ADSL pagati, tuttavia restano scoperte:

  • le bollette di casa
  • una parte di mutuo (l’altra la paga mio fratello)
  • pane e acqua
  • l’auto

Ho lavorato come una bestia e da bestia sono trattato, i conti tornano. Di lasciare non se ne parla neanche. Ma la soluzione non può essere raddoppiare le ore lavorative. Facciamo che nel 2015 io raddoppio i prezzi e chi si è visto, si è visto?

Anche perché devo ancora incassare 2885,39.

The cost of foodImage credits




One thought on “Lavori in proprio? Lascia o raddoppia.”

  1. I liberi professionisti sono purtroppo diventati il bersaglio preferito;
    fra tutte le categorie, come i dipendenti che hanno un contratto normale (anche se sono sempre meno) e gli imprenditori che hanno attività più grandi con dipendenti al seguito, i professionisti sono sobbissati di tasse e impegni fiscali da mantenere. Si dovrebbe davvero smetterla e proporre un sistema minimo, a livello di costo per le tasse, e minimo anche come complessità. E’ poco sensato che un lavoratore singolo autonomo debba rivolgersi ad un commercialista e pure a spese proprie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi