Come cariare il cliente: la strategia vincente per un freelance nel 2021

Non c’è una grande differenza di età tra me e mio figlio, ma rimango comunque affascinato dal modo in cui si approccia ai videogiochi e soprattutto dal gergo che usa con i suoi amici. Ad esempio per la mia generazione era normale affrontare le sfide con il massimo impegno, dall’inizio alla fine (anche perché quel … Read moreCome cariare il cliente: la strategia vincente per un freelance nel 2021

Tre cose che ho visto, un tema: The Good Place, Sanpa, L’Isola delle Rose

Che cosa si farà in paradiso? Ce lo siamo chiesti tutti prima o poi, e ricordo perfettamente quando questa domanda uscì fuori durante l’ora di religione ai tempi delle scuole medie. Sono quelle domande fastidiose, come “cosa c’era prima della Creazione” o “da dove proveniva la moglie di Caino”, e visto che sono domande senza … Read moreTre cose che ho visto, un tema: The Good Place, Sanpa, L’Isola delle Rose

Accettare, percepire e affrontare la realtà: primo anno dell’era Covid19

Mentre stavo guardando distrattamente il primo episodio della serie “The midnight gospel” c’è stata una frase che mi ha colpito a tal punto da riavvolgere virtualmente il nastro: Health is about accepting and perceiving and dealing with reality on reality’s terms. Si può tradurre in italiano con “La salute (e si parla di quella mentale) … Read moreAccettare, percepire e affrontare la realtà: primo anno dell’era Covid19

Qua non c’è nessun video da vedere

In questo mondo la velocità con cui cambiano le relazioni tra esseri umani si è adeguata alla velocità dell’evoluzione tecnologica. E’ un bene o un male? E’ semplicemente qualcosa che accade e su cui non possiamo farci nulla. Quindi conviene adattarsi. Quando nel 2006 ho incontrato mia moglie non c’era Facebook e non c’era WhatsApp. … Read moreQua non c’è nessun video da vedere

Le novità di quacos.com per il 2017

Ormai ho capito l’andazzo, prima o poi il mio mestiere diventerà scrivere su questo blog. Quindi ho colto l’occasione per dargli una rinfrescata. Ecco le novità per l’edizione 2017: Più pubblicità. Quindi attrezzatevi pure con blocchi vari, ma almeno offritemi una birra quando ci incontriamo. Menù aggiornato. Eliminate tutta una serie di pagine ormai obsolete, … Read moreLe novità di quacos.com per il 2017

Io e la fede, ovvero il post più difficile da scrivere per me

Sono passati 5 mesi dal mio ultimo articolo, riguardante gli attentati di Parigi. Nel frattempo ci sono stati pure gli attentati di Bruxelles. Non è che io non abbia cose da dire, anzi, tutto il contrario. E’ solo che ogni volta che tornavo su questo blog non potevo non pensare a quello che nel frattempo … Read moreIo e la fede, ovvero il post più difficile da scrivere per me

Io sono un attentatore

Ho saputo dell’attentato a Parigi grazie a quella funzionalità di Facebook che ha permesso ai miei amici in zona di dirmi che stanno bene. E’ un particolare di non poca importanza, perché ci ricorda che dopo tutto siamo fortunati a vivere in questi tempi. L’attentato a Charlie Hebdo era premeditato, e c’era margine per poter … Read moreIo sono un attentatore

Quella volta che venne inventato un nuovo modo di giocare a calcio

Negli anni ’70 i ruoli del calcio erano estremamente rigidi. Il terzino doveva fare il terzino, rimanendo appiccicato all’attaccante avversario per tutta la gara. L’attaccante del resto quando la sua squadra era in fase di non possesso poteva tranquillamente camminare. La nazionale olandese tuttavia nel mondiale del 1974 mostrò qualcosa di completamente diverso: i difensori … Read moreQuella volta che venne inventato un nuovo modo di giocare a calcio

Fenomenologia di Frank Merenda: le mie opinioni

In realtà sono diverse settimane che dovevo scrivere questo articolo, ma per una serie di motivi che capirete una volta che lo avrete letto per intero ho avuto una serie di reticenze. D’altro canto però mi sono accorto di avere una specie di blocco, non potevo andare avanti senza condividere questa esperienza con i miei … Read moreFenomenologia di Frank Merenda: le mie opinioni

C’è una cosa che nella vita non ho mai sopportato: le cricche

Una volta un amico mi disse: Ma secondo te, se tu fossi nato in un paese a maggioranza islamica, a quest’ora non saresti un musulmano? Se ci pensate bene, saremo sempre influenzati dal pensiero trasmessoci dai nostri genitori e insegnanti scolastici, che ci sono in un qualche modo imposti. Tuttavia ad un certo punto nella … Read moreC’è una cosa che nella vita non ho mai sopportato: le cricche

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi