Social media di dating online e integrazione con i social network generalisti: un’analisi

Romance Over ParisOgni giorno navigando sui social network, ci accorgiamo di come sempre di più progetti importanti della rete abbiano creato delle loro basi… sui loro concorrenti! I siti di incontri non fanno eccezione: da un paio d’anni abbiamo visto un fiorire di contatti, pagine e gruppi associati, ufficialmente o meno, a Badoo, Meetic e ad altri nomi famosi dei Social Media del momento, che servono a promuovere i propri progetti e fare attività di marketing. Basta infatti fare una semplice visita su uno di questi Social Media per trovare i collegamenti alle loro pagine su Facebook, Twitter, Youtube e Flickr.

Possedere tutti questi account è diventato un must per raggiungere il livello massimo di visibilità. Sembra, infatti, che come strategia di marketing, queste compagnie spingano più su Facebook e altri Social Network, che sui media tradizionali, come radio e televisione. Inoltre, non soltanto sui siti di questi progetti si trovano i collegamenti ai profili sugli altri social network, ma è anche da poco possibile accedere direttamente ai siti di incontro tramite il proprio account Facebook. Nell’era dei Social Network, i grandi portali di Meetic e Badoo hanno compreso appieno l’utilità della fusione Social Media – Social Network spostando completamente la propria attenzione sul mondo dei giovani che invade giornalmente sempre di più Facebook, YouTube e Flickr.

Frequentando i vari Social Network, ci si può facilmente imbattere negli spot pubblicitari di Badoo e Meetic che vengono utilizzati per far conoscere ai nuovi utenti i servizi offerti, e spiegare ai vecchi le nuove funzionalità e possibilità dei siti. Diverse sono le linee guida seguite per attirare i visitatori; Meetic, ad esempio, punta soprattutto sulla descrizione dei servizi di protezione dei dati sensibili, sul numero degli iscritti, e sull’aiuto delle calde voci femminili utilizzate come sottofondo degli spot, che talvolta vengono anche diretti da celebri registi o sceneggiatori come Gabriele Muccino, il target è 30/35enne, serio, intraprendente, in carriera.

Badoo invece ha puntato su un progetto “Badoo Project”, che consiste nello scattare 1000 fotografie ad altrettanti soggetti diversi, alcuni dei quali avranno la fortuna di vedere le proprie facce su tutti i cartelloni, manifesti e gigantografie della città di New York. Un progetto cool, che strizza l’occhio ad un pubblico più giovane, che ha voglia di divertirsi, possibilmente senza impegnarsi. Ancor di più, le foto scattate sono state inoltre utilizzate in videoclip che mostrano la “freschezza” e la novità del sito. Come gli altri, anche il sito d’incontri Match.com pubblica regolarmente in rete nel tempo diversi spot e videoclip per pubblicizzare la sicurezza dei risultati del sito, il numero degli iscritti, e le diverse relazioni nate sul sito.

Tutti i progetti in questione sembrano avere compreso appieno le potenzialità di YouTube per la propagazione dei propri video. Esaminiamo quindi alcuni spot di questi sociali network, che sono stati pubblicati sui profili ufficiali dei progetti sul noto servizio di condivisione video di Google.

Esempio di spot: Meetic

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Esempio di spot: Badoo

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Esempio di spot: Match

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Nonostante gli spot di tutti questi Social Media possano sembrare totalmente diversi, hanno diversi tratti in comune:

  1. Tutti gli spot pongono l’accento sul numero degli iscritti per incutere sicurezza e invitare tutti i single a iscriversi, perché grazie all’alta percentuale d’iscritti, sicuramente troveranno l’anima gemella;
  2. La durata degli spot è abbastanza limitata, in quanto, con delle semplici testimonianze e brevi frasi a effetto, i creatori degli spot riescono ad arrivare dritti al proprio target: avere il maggior numero d’iscritti possibile;
  3. Il sottofondo musicale degli spot è molto simile: una musica movimentata per riprendere l’allegria del proprio portale;
  4. Tutti gli attori e le comparse sono di bell’aspetto, giovani e in forma, per rendere l’iscrizione al sito il più appetibile possibile;
  5. Viene sempre sottolineato che le coppie mostrate nei video sono reali, per invogliare i navigatori del web a iscriversi per stringere rapporti duraturi nel tempo.

Se finora abbiamo definito degli interlocutori preferenziali di Badoo come un pubblico giovane, mentre Meetic e Match hanno alzato il tiro verso un target di riferimento più maturo; non è detto che in un futuro prossimo il paradigma non cambi, e Badoo, per esempio, non lanci un progetto e una campagna marketing diretta verso quello che al momento è la fascia di mercato scelta da Meetic e Match.

Di sicuro l’integrazione tra questi social network, specializzati in questioni d’amore, e i social network “generalisti”, sarà sempre più salda e costante nel futuro, e date le potenzialità dei progetti in questione, converrà tenere d’occhio come si muoveranno per capire i nuovi trend del marketing “sentimentale”.

Guest  post di Francesco Licitra




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi